Insalata di cavolo cappuccio

postato in: Contorni | 0
insalata di cavolo cappuccio
insalata di cavolo cappuccio

 

 

 

Il cavolo cappuccio è una delle verdure più nutrienti e ricche di proprietà benefiche che abbiamo in questo periodo dell’anno, conserva molte di queste caratteristiche soprattutto se consumato crudo o cucinato al vapore per non più di 5 minuti.

Principalmente il cavolo cappuccio contiene :  calcio e ferro,  una buona dose di fibre,  acidi grassi omega 3 ed omega 6 .

Nel cavolo cappuccio sono presenti inoltre vitamina  A e C, ma anche carotenoidi e flavonoidi , che contrastano l’azione dei radicali liberi.

Studi scientifici hanno dimostrato  che il consumo di cavoli si rivela efficace per ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro, come il cancro al seno, alla vescica, alle ovaie, al colon e alla prostata.

Il consumo di cavoli aiuta il nostro organismo a disintossicarsi.

E’  un ottimo alleato contro l’ipertensione grazie alla presenza dell’acido glutammico, un aminoacido che aiuta ad abbassare la pressione sanguigna

Per tutte queste ragioni oggi vi proponiamo di consumarlo crudo in insalata.

Una insalata alla viennese, pronta  in 5 minuti.

Questo facile e gustoso contorno vi sorprenderà per l’originale accostamento  fra il sapore particolare del cavolo cappuccio e quello delicato dei semi di cumino,

Insalata di cavolo cappuccio alla viennese

Ingredienti

1 cavolo cappuccio

4 – 5 cucchiai di aceto di mele

5 – 6 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

2 cucchiaini rasi di semi di cumino

sale q.b.

 

Preparazione
Eliminate le foglie esterne del cavolo cappuccio che sono più dure e fibrose, tagliatelo in quattro parti e rimuovete il torsolo.

Ricavate delle striscioline molto sottili (con un coltello o una mandolina).

Mettete il cavolo in una ciotola, salate e aggiungete qualche cucchiaio di aceto di mele.

Completate con olio extra vergine di oliva e semi di cumino. Mescolate bene e fate riposare almeno un’ora prima di consumarlo.

Rilascerà un po’ di liquido di vegetazione, se eccessivo potete colarne via un po’.

Lascia un commento